Risorse
Sondaggi
Tuttobaseball
 
Menu utente
Login



Home

Rimini piega Bologna. Il San Marino aggancia la vetta

Fibs. Il Bologna perde a Rimini e incassa l’aggancio in classifica del San Marino che completa la doppietta a Vicenza contro il Padova. Il Nettuno Baseball City piega il Novara e legittima il terzo posto. Il Parma Clima pareggia la serie con il Padule con i fuoricampo di  Mirabal e Deotto.

Leggi tutto...

 

La scomparsa di Davide Bassi

Tutto il gruppo Crocetta piange la prematura scomparsa, a soli 54 anni, di Davide Bassi, sopraffatto da un avversario spietato. Davide è spirato nella mattina del 29 maggio all’alba alla clinica Valparma di Langhirano. Davide era riconosciuto come una grande persona. Era una delle figure storiche della Crocetta, essendone stato giocatore, allenatore delle giovanili e responsabile tecnico; proprio per il suo attaccamento aveva anche partecipato con entusiasmo alle sfide dei fuoricampo delle “vecchie glorie”, l’Home Run King, organizzato dalla società. A tutti i famigliari va il nostro grande e commosso abbraccio. La funzione funebre avverrà alle 14.30 di oggi presso la chiesa di Poggio di S.Ilario muovendo dalla clinica Valparma. La società chiederà che sui diamanti in cui sono impegnate le sue squadre in questa settimana venga osservato un minuto di silenzio in sua memoria. La redazione di Tuttobaseball si associa al lutto dei famigliari e degli amici.

 

Ferrara baseball avanti in crescendo

di Beatrice Nicoli.  Gli esordienti, in evidenza a Granarolo, si ripetono contro San Lazzaro. Under 15 a testa alta contro la Fortitudo: sconfitta a parte, altra prova di spessore.

Leggi tutto...

 

Doppietta Paternò nello scontro al vertice con il Collecchio

Fibs. Doppietta Paternò nello scontro al vertice con il Collecchio, penalizzato da una odissea per arrivare in Sicilia. Castenaso vince e aggancia al vertice del girone B l’Imola fermato dal Bologna Athletics. Nel girone C passo falso a Viterbo del Città di Nettuno

Leggi tutto...

 

Stolen season

di Giuliano Masola. Nel 1991 venne pubblicato un libro di David Lamb, scrittore e giornalista sportivo di Boston, nato nel 1940 e scomparso nel 2016: Stolen season. Si tratta di una stagione in cui, anziché occuparsi delle Major Leagues, l’autore percorre buona parte degli Stati Uniti alla scoperta delle Leghe Minori. Pur essendo passato oltre un quarto di secolo, ancora oggi possiamo leggere il libro come un percorso,  una corsa intorno alle basi. Diversi sono gli spunti che si possono trarre dal lavoro di Lamb: difficoltà dell’impresa, massima disponibilità ai trasferimenti, obbedienza assoluta ai coach. Certamente dal 1991 ad oggi tante cose sono cambiate. Il Baseball, che già partiva da una base internazionale, ha dovuto fare i conti con la globalizzazione (per la verità l’ha anticipata). Le accademie promosse dalla stessa Major League o dai club che la compongono sono presenti in paesi di diversi continenti. È importante la capacità dell’atleta, non il suo luogo di provenienza, o il colore della sua pelle. Il titolo – Stagione perduta – può suonare strano, fuorviante. Infatti, nulla c’è di perduto, se non l’abbandono temporaneo del mondo rutilante dei grandi stadi per muoversi in quelli di provincia, scoprire la realtà nascosta, i grandi sacrifici che giovani giocatori fanno per giungere la traguardo. In quel mondo nessuno ti porta la borsa e la valigia; le trasferte sono lunghe, in autobus, forse residuati dell’Esercito; talvolta un ritardo comporta il fatto di trovare l’albergo chiuso e ci si deve appisolare come si può. La casa è costituita da una stanza con frigorifero e televisione: la giornata si passa in attesa dell’ora di allenamento: i soldi sono così pochi che bastano per comprarsi l’indispensabile al discount. Eppure tantissimi affrontano questa situazione con grande spirito e coraggio. 

Leggi tutto...

 

Spy story

di Giuliano Masola. Una delle preoccupazioni dei coach è quella di spiare gli avversari per rubare i segnali e viceversa. Intelligence, nel mondo anglosassone, significa raccogliere informazioni, fare dello spionaggio. Il nostro non è il mondo di James Bond, ma anche in questo l’azione di intelligence è continua. Moe (Morris) Berg, da una famiglia ebraica di Harlem – nato a New York , 2 marzo 1902 da una e deceduto a Belleville il 29 maggio 1972 – è la più nota spia che il baseball abbia fornito ai servizi segreti americani. 

Leggi tutto...

 

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 84